“La meccanica dei sentimenti” di Frank Iodice.

Ringranzio Frank per avermi regalato il suo romanzo, edito da Eretica edizioni il 30 agosto 2018.

IMG-20181017-WA0037.jpg

Il romanzo di Iodice narra le vicende di Giovanni Marealto per tutti Giò e il suo rapporto con tre differenti donne: sua moglie Eda, che è in dolce attesa; Galatea, una ricca archeologa, che decide di tradire il proprio marito con il protagonista per avere un figlio e Resi la terza donna, che è costretta a prostituirsi per dare vita a una nuova identità che darà un pizzico di brio al romanzo.

Il protagonista è un ex cardiologo romano che si dice interessato alla meccanica dei sentimenti, precisamente a come questi funzionano e non perché si manifestano.

Ho bisogno delle persone che mi stanno accanto per trasformarle in materiale da ricerca. Sono un vigliacco, un opportunista, piegato continuamente al gioco della forma e della trama, un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione. (…) è una cosa schifosa, perché capire come funzionano i nostri sentimenti ti rende un mostro, una persona cinica, capace di qualsiasi bassezza.

Tra le righe del testo vediamo come sperimenta qualsiasi forma di sentimento, prendendo nota e appunti sulle svariate percezioni acquisite, tanto che tra le varie indagini, durante una passeggiata  tra i vicoli di Parigi, nei pressi di Montmartre, riesce a  scoprire la “formula” dei sentimenti.

Anche se Giò frequentava tre donne diverse ma complementari al suo piacere, Resi con la sua nuova identità è l’unica a poter prendere il posto dell’ormai defunta madre, nel comprendere il suo “essere”, e mantenere questo importante fardello di segreti, che il protagonista nascondeva.
E’ proprio questa complicità tra i due amanti che rende emozionante queste continue ricerche sul come si sviluppano i sentimenti.

Tutta la narrazione è all’insegna del vano, del cinico e dello straniato. Ma poi si chiude con un finale catartico…

Pubblicato da grazianagirovaga

Il mio nome è Graziana e nella vita sono traduttrice freelance; tra un caffè e l’altro, una traduzione e un viaggio, scrivo recensioni di libri e articoli sul web. Nella vita ho sempre creduto nella libertà di espressione. Questo ideale mi ha spinto a conseguire la laurea in Lingue e Letterature straniere e a specializzarmi nelle traduzioni. Per me tradurre non è solo riportare il significato letterale, ma restituire anche l’atmosfera, il suono, la frase, trovare il senso e non rovinare quello che l’autore ha cercato di costruire. Ambisco all’invisibilità perché la mia penna non si deve vedere. E’ un blog che nasce in maniera spontanea un pomeriggio di primavera, con l’intento di riunire i miei interessi: lettura, forme d’arte, viaggi e attività interessanti, così da poter cogliere i diversi aspetti della cultura e informarvi. Mi auguro un giorno che la cultura scevra da ogni manipolazione e repressione e che sia ricca di diversità.

One thought on ““La meccanica dei sentimenti” di Frank Iodice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: