In difesa della dolce libertà.

Edito da casa editrice Leo S. Olschki.

Un importante saggio storico quello de In difesa della dolce libertà, scritto da Alessandro Cecchi. Ci racconta l’Assedio di Firenze, che si concluse il 12 agosto 1530, dopo un’eroica resistenza durata dieci mesi, con la caduta della Seconda Repubblica e l’avvento del Principato. Per la difesa della libertà contro un agguerrito esercito nemivo,tutta la città si mobilitò.

Ma andiamo per ordine.

Nei primi mesi del 1529 si diffusero a Firenze notizie allarmanti, secondo le quali il papa Medici Clemente VII si preparava a far tornare al potere, con l’aiuto dell’esercito imperiale, la sua famiglia, cacciata dalla città il 17 maggio di due anni prima. Il Governo Popolare decise allora di completare le opere di difesa intraprese ancora sotto i medici nel 1526, e rimaste incompiute. Fu creato un comitato, i “Nove della Milizia”, del quale fu chiamato a far parte Michelangelo, che poco dopo sarebbe stato nominato “governatore e procuratore generale delle fortificazioni”.

Investito di una carica così importante e incoraggiato dalla stima dei concittadini, Michelangelo elaborò allora una serie di proposte di difesa per le porte delle mura, che, per la loro complessità e novità, non furono realizzate o lo furono in una minima parte oggi distrutta.

Oggi possiamo valutare i suoi disegni in quanto hanno una spiccata originalità e una vocazione dinamica pienamente coerenti con le architetture michelangiolesche a essi contemporanee. Ne è esempio questo Studio di fortificazione per la Porta al Prato di Ognissanti, che ha avuto, tra gli studiosi, particolare fama per la sua comunicativa bellezza: tanto da essere stato definito da Paola Barocchi una “invenzione … che si apre e rompe con una espansiva energia che impronta delle proprie direttrici spaziali l’ambiente circostante”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: