Specchio delle mie brame. Pregi e difetti del narcisismo. Simon Blackburn

Z7_BLACKBURN_SITO_FIIl filosofo inglese guardando la celebre pubblicità, di una marca di prodotti di cosmetica francese, il cui slogan è “perché io valgo”/“perché tu vali”, ha scatenato la riflessione sui “pregi e difetti del narcisismo”, per poi lasciarsi trasportare dalla curiosità e dall’istinto verso considerazioni che vanno ben oltre la specificità introdotta da titolo e sottotitolo. In effetti, il riflesso dello specchio è un simpatico inganno che, allineando “orgoglio, autostima, vanità, arroganza, vergogna, umiltà, imbarazzo, risentimento e indignazione”, riesce a far convivere un’erudita dissertazione filosofica con un’ormai doverosa critica sociale. A differenza della pubblicità, il filosofo non ha alcuno slogan da lanciare, “solo” coscienze da svegliare: vivere nell’era del narcisismo estremo (e delle sue nefaste conseguenze, soprattutto – come racconta bene Blackburn – in politica) non ci giustifica dalla pigrizia del pensare che così debbano necessariamente andare le cose. E ciò risulta chiaro in particolar modo grazie all’excursus storico che egli fa del concetto di narcisismo (e delle sue varianti e componenti) attraverso le idee di grandi filosofi del passato da Platone a Kant.

In Specchio delle mie brame si rivela, con toni perentori, che “l’avidità, come abbiamo visto, è il desiderio smodato dell’invidia altrui, o il desiderio che altri si considerino inferiori a noi”. Oggi, Narciso, innamorato del suo riflesso, non si sarebbe affatto sentito solo: siamo tutti, chi più chi meno, innamorati del nostro riflesso immortalato sugli schermi degli smartphone. Ma mentre lui, consapevole che un riflesso non avrebbe mai potuto ricambiare il suo amore, si lasciò morire struggendosi, noi non perdiamo occasione per farci un nuovo selfie e mostrarlo agli altri al fine di gratificare il nostro ego manchevole – insomma, anche il narcisismo si è aggiornato.

 Bisogna districarsi nel forbitissimo slalom di Simon Blackburn per provare che “la vita è un processo, non un prodotto”, e che, come aggiungerebbe l’ineffabile Walter Mitty, “non devi per forza fare lo stronzo”. Ci vuole un po’ per capirlo, ma deve essere proprio così.

Una risposta a "Specchio delle mie brame. Pregi e difetti del narcisismo. Simon Blackburn"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: